melotto logo

Mel8 project di Claudio Melotto

G.U.S. da New York a Lucca: Un’iniziativa che lancia nello spazio arte scienza e coscienza

Prossima tappa di questo affascinante viaggio sarà nella città toscana, in occasione di Lucca Comics, Claudio Melotto presenterà un progetto editoriale affidato al fumettista francese Dirick e al suo ispettore Klebs


Lo scorso 10 ottobre a New York, in occasione delle celebrazioni del Columbus Day, davanti a un grande pubblico accorso nella maestosa cornice di Grand Central Terminal, Claudio Melotto ed una splendida Iuliana Ierugan, testimonial del progetto, hanno presentato la Global Universal Symphony ed hanno assegnato due prestigiosi premi: GUS e International Awards Arte Scienza e Coscienza, creazioni dell’artista italiano Luciano Massari. Ma la storia della Global Universal Symphony, ideazione del vulcanico imprenditore Claudio Melotto vale la pena di essere narrata: sembra una fiaba, un racconto di Paulo Coelho, iniziata in una città magica: Praga.
Tutto ha avuto origine nel 1992, quando il giovane imprenditore del settore immobiliare ed alberghiero, specializzato nelle rivalutazione culturale di immobili storici, decise di valorizzare la figura del compositore Antonin Dvorak, autore della Sinfonia dal Nuovo Mondo. Melotto, da sempre innamorato dell’arte in tutte le sue manifestazioni stabilì subito un sodalizio culturale con gli eredi del musicista praghese, maturando l’idea di una Sinfonia Universale e della costituzione, a Praga, di villaggi globali dell’arte, per la formazione di giovani talenti nel campo delle discipline artistiche e scientifiche.

Spiega Melotto: “A volte, nella vita, si realizzano incontri felici, che non possono essere solo frutto del caso: così è stato nell’avvio di questo progetto. C’erano tutti gli ingredienti per fare pensare ad un grande disegno del destino, un compositore, la sua musica scritta per l’America, il ’92 coincideva con i 500 anni della scoperta del Nuovo Mondo e successivamente la coincidenza dell’entrata in europa della Repubblica Ceca con il centenario del compositore dvorak: e quello che è più straordinario è che tutto ciò avvenisse a Praga, la città degli alchimisti. Ho sentito che stava accadendo qualcosa di importante, che avrebbe trasformato per sempre la mia vita”. Con grande volontà e impegno Claudio Melotto si mette al lavoro per realizzare il suo grande sogno, i villaggi globali dell’arte e della scienza, e nel corso degli anni prende vita la Global Universal Symphony, un progetto di un grande evento artistico musicale che, grazie all’esperienza e alla sensibilità di un musicista come Mauro Paoluzzi, fonde la musica di Dvorak con Across the Universe dei Beatles: lo scopo è quello di promuovere il progetto dei centri formazione in arte, musica e scienze nella Repubblica Ceca e altri paesi tra cui l’Italia la Francia il Giappone.

Anche questa scelta, dichiara Melotto, è nata da una serie di “fortunate coincidenze”, abbiamo deciso di unire i due brani più significativi che sono stati trasmessi nello spazio. Un omaggio alla scoperta come prova di conoscenza nel senso più ampio del termine. E lo scorso 10 ottobre, a New York, sono stati assegnati i premi istituiti da GUS destinati a personalità distintesi nei campi dell’arte, della scienza e del dialogo tra le culture: tra i premiati, per questa prima edizione, anche Neil Armstrong, che portò sulla Luna la Sinfonia dal Nuovo Mondo di Dvorak,lo stesso dvorak alla memoria e Michael Griffin, Direttore della NASA. Insieme a loro sono stati premiati i vertici della Columbus Citizens Foundation, oltre ai governi italiano ceco ed americano un premio che in occasione del Columbus Day ha assunto una profonda valenza simbolica di capacità di relazionarsi con il diverso da noi.

Prossima tappa di questo affascinante viaggio sarà Lucca: nella città toscana, in occasione di Lucca Comics, il maggiore Salone italiano dedicato al fumetto, Claudio Melotto, Iuliana Ierugan e lo staff di GUS presenteranno un progetto editoriale affidato al fumettista francese Jean-Pierre Dirick e al suo ispettore Klebs(Fido in Italia). Quella con Dirick è una collaborazione iniziata da tempo: l’illustratore ha generosamente rinunciato ai proventi sulle traduzioni dell’Ispettore Klebs per sostenere la costituzione di centri di formazione dedicati all’ animazione e cinematografia che andranno ad arricchire la scelta formativa dei villaggi globali dell’arte e della scienza. E a Lucca Comics, anche l’Ispettore Fido sarà lanciato nello spazio e per l’occasione indosserà una tenuta da astronauta. Fido è un personaggio che piace molto ai bambini: ma se i testi del fumetto sono pieni di battute divertenti, i temi trattati sono comunque scottanti e di attualità, dato che si tratta di problematiche riguardanti la protezione della natura e degli animali. Dirick, con il suo mondo alla rovescia, ci apre gli occhi sul nostro comportamento nei confronti degli animali, sottoposti ad ogni tipo di esperimento e maltrattamento.

Ad accompagnare Fido nella sua missione spaziale ci sarà ancora Iuliana Ierugan. Ci dice Claudio Melotto: “Iuliana non è una semplice testimonial, è ormai parte attiva di tutto il progetto. In particolare per il settore dei fumetti e animazione ha curato la traduzione in romeno dei testi di Dirick” che sono attualmente in fase di stampa. Insomma, ancora una tappa di un grande viaggio e di un grande sogno che si fa concreto, nel nome di una visione etica della vita e dell’economia.
Gli award assumeranno un percorso itinerante nei prossimi anni e si sta valutando con le autorità statunitensi, ceche ed italiane questo percorso.

Notizia pubblicata il: 30 Ottobre 2008.